coronavirus mercato immobiliare

Coronavirus, effetti sul Mercato Immobiliare: quale settore ne risente di più?

NIENTE ALLARMISMI, LA SITUAZIONE:

Da un paio di settime il tema principale è senza dubbio il Coronavirus, che sta colpendo in maniera netta e imprevedibile tutti i sistemi su cui si fondano la nostre società. Sebbene il tasso di mortalità del Covid-19 si sia ridotto, molte società che analizzano i dati hanno studiato la situazione nel complesso, mettendo in evidenza quanto tutti i settori abbiano risentito degli effetti del Virus. Alcune tra esse si sono soffermate su alcuni aspetti principalemente economici, entrando anche nel dettaglio del Mercato Immobiliare.

I SETTORI PIU’ COLPITI

Il primo settore a risentire pesantemente delle conseguenze che ha portato il Virus è quello degli Hotel e Retail, ovvero tutto il mondo che gira dietro al turismo e alla distribuzione.

Secondo STR, una società di analisi dei Dati più importante al mondo, durante l’inizio dell’anno si è registrato un calo del 75% nel settore alberghiero Cinese.

Il mondo del Retail invece coinvolge molte più entità sociali. Infatti ad essere penalizzati in questo caso sono tutti i centri commerciali, di qualsiasi dimensione.

Janus Henderson ricorda che “gli hotel in cui soggiornano molte persone provenienti dalla Cina in viaggio d’affari hanno subito una significativa riduzione delle prenotazioni. Inoltre, nei Paesi in cui è arrivato il virus, molte persone stanno a casa per evitare gli affollamenti, il che ha avuto un impatto sui centri commerciali. Anche la spesa nel segmento del lusso ha subito un calo”.

SETTORE RESIDENZIALE

Durante la prima settimana di Febbraio, nelle maggiori città Cinesi, le vendite delle case sono crollate del 90%. Questo drastico calo è anche dovuto a fattori di prevenzione e controllo che hanno adottato le agenzie immobiliari cinesi al fine di evitare la diffusione del virus.

Ma non per questo il mercato immobiliare cinese è rimasto bloccato.

Infatti il dato positivo proviene dalla vendita di immobili online che, contestualmente al declino della vendita diretta, ha registrato circa 47.000 operazioni per 8.300 milioni di dollari, con oltre 10 milioni di utenti online.

Ma non tutti i settori saranno svantaggiati dal Coronavirus.

In particolare per Janus Henderson i settori che sentiranno meno gli effetti del virus sono la logistica, i data center e in generale tutte quelle attività che muovono merce e servizi grazie a Internet.

“In tutta l’Asia, l’epidemia di Coronavirus ha portato molte aziende a implementare diverse forme di piani di lavoro da remoto, evidenziando la fattibilità di soluzioni flessibili per lo spazio di lavoro e in futuro potrebbe cambiare il modo in cui le aziende pensano ai loro spazi per gli uffici. L’aumento degli acquisti online e della connettività dei dati a mano a mano che un numero maggiore di persone vive e lavora da casa supporta anche la continua domanda di queste infrastrutture”, afferma la società. E aggiunge: “L’epidemia di Covid-19 sta causando alcune conseguenze indirette nel settore immobiliare accentuando il cambiamento guidato dai progressi tecnologici e dai nuovi stili di vita, che stanno alterando la domanda e l’uso degli immobili”.