Quali interventi applicare per uscire dalla crisi

“La crisi dell’immobiliare è di portata tale che occorrono cambiamenti radicali” commenta Marinetti,  azionista e amministratore delegato di Sorgente Group al Corriere della Sera.

Ma bisogna agire in fretta, chiarisce, “perché il rischio è che invece di andare avanti si torni indietro. Lo conferma la vendita di Italcementi, l’ennesimo caso di una grande azienda italiana che deve cedere il passo anche perché non ha potuto contare su un mercato interno adeguato. La grave crisi dell’edilizia ha colpito l’intera filiera, dalle costruzioni ai fornitori di materie prime come cemento e calcestruzzi.”

Quindi è necessario, come prospetta Marinetti, un intervento che coinvolga “lo snellimento delle procedure, un pacchetto d’incentivi fiscali e la spinta alle banche in modo da finanziare gli investimenti nell’edilizia, dai restauri alle nuove costruzioni”.

A dimostrazione che un provvedimento è necessario e che porti a segnali positivi, lo è l’annuncio sul taglio delle tasse sulla casa, ma occorre fare molto di più per permettere una decisiva ripresa del settore edile che porterà ad una crescita e ad un progresso.

Lascia un commento